Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy cliccando sul tasto "more".

Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Volley Tempesta - Sarah Marino completa la cabina di regia.

Sarah Marino con l'amica e compagna di squadra Valentina San Martino

Altro gradito rientro in casa Tempesta. Sarah Marino, classe 93, ha deciso di mettere a disposizione di coach Fornaro la sua esperienza.

Son passati molti anni dall'ultima esperienza con la maglia della Tempesta, anni passati a macinare esperienza tra serie D e serie C. Dotata di un ottima visione di gioco, di un palleggio veloce, di doti difensive sopra la media e di un servizio che terrorizza le ricezioni avversarie, Sarah Marino è l'elemento ideale per completare la coppia di regia del prossimo campionato. L'accordo con Sarah era stato siglato già per il campionato di serie D ma, vista l'esperienza della scorsa stagione sicuramente da chiudere nel cassetto dei ricordi sfortunati, siamo certi che la notizia del ripescaggio in C avrà amplificato la volontà di mettersi in gioco della pallaggiatrice tarantina. 

Ecco le parole di Sarah dopo la chiusura dell'accordo:

Dopo diverse esperienze in provincia, sono felice di tornare a giocare in rossoblu. Ho accolto con entusiasmo il progetto della Tempesta soprattutto dopo la notizia del ripescaggio in serie C perché permetterà di rilanciare il livello della pallavolo in città, anche per il settore femminile. Sarà un campionato impegnativo, ma mi piacciono le sfide e mi piace l'idea di poter condividere la mia idea di volley con le ragazze più giovani. Le incertezze legate al Covid sono tante, spero che la federazione si impegni per farci riprendere in maniera sicura e continua come avviene già per competizioni di livello superiore e per altri sport. Dopo lo stop prolungato, il sacrificio e la grinta in campo faranno la differenza. Confido nel lavoro della società per la costruzione della squadra e in quello del mister che da subito sta cercando di amalgamare un gruppo eterogeneo per età, bagaglio tecnico ed esperienze sportive. Il mio obiettivo personale, da palleggiatrice, è sempre fare in modo che la squadra possa esprimersi al meglio. Se riusciremo in questo, sono sicura che potremo dire la nostra anche in un campionato difficile come quello che si prospetta.

Stampa Email